Illegittimo

Illegittimo

di Adrian Sitaru

AL CINEMA. 

Sasha, Romeo, Cosma e Gilda sono i quattro figli di Victor Anghelescu, con il quale si ritrovano per una tranquilla cena di famiglia. I figli hanno da poco scoperto che, durante il regime di Ceausescu, Victor ha impedito a molte donne di abortire, sia per motivi legali che per le sue personali convinzioni morali e religiose. La notizia sconvolge completamente l’equilibrio del nucleo familiare, con i figli che provano rabbia e sdegno per le scelte del padre, mentre quest’ultimo è tuttora convinto e orgoglioso delle proprie azioni. Volano parole grosse e insulti e si arriva quasi alle mani. La famiglia cela però un altro segreto, ancora più sconvolgente: i gemelli Sasha e Romeo stanno portando avanti da tempo una clandestina relazione incestuosa. Fra segreti, scomode verità e inevitabili conseguenze, i componenti del nucleo familiare saranno costretti a rivalutare i propri principi e le proprie convinzioni.

 

In collaborazione con:

       

IN SALA A:

Cinema Beltrade, Milano
Cine Teatro Nuovo di Capodarco, Fermo (FM)
Auditorium Cinema Lab 80, Bergamo
Cineteatro Baretti, Torino
Cinema Edison, Parma
Cinema Centrale, Lucca
Sala Pegasus, Spoleto (PG)
Cinema Nuovo Eden, Brescia
Cinema Apollo 11, Roma
Cinema Postmodernissimo, Perugia

 

Note di regia

Girato in sole due settimane e con un solo ciak per ogni scena. Quest'idea è venuta dal fatto che volevo un film in stile documentario e un surplus di realismo. Ho capito che il film documentario di osservazione e, per estensione, la nostra vita, contengono due elementi importanti che ho voluto catturare: non c'è mai la possibilità di un secondo "ciak" (se decidessimo di darci quest'opportunità non "reciteremmo" nello stesso modo o risulteremmo finti). Ogni giorno ci poniamo piccoli obiettivi e creiamo sceneggiature per far sì che si realizzino, ma a prescindere dal numero di sceneggiature, la vita interviene con le sue sorprese e iniziamo ad improvvisare, a comportarci di conseguenza, al fine di raggiungere tali obiettivi. Ciò mi ha stimolato e posso onestamente dire che non mi sono sentito limitato lavorando in questo modo. Ho lasciato che la vita e gli attori lavorassero per me.

 

Adrian Sitaru nasce nel 1971 a Deva, in Romania. Vive e lavora a Bucharest. Nel 2007 il cortometraggio Waves gli ha portato il Golden Leopard of Tomorrow al Festival del Cinema di Locarno. Il suo lungometraggio d'esordio, Hooked, presentato in anteprima a Venezia nel 2008, lo ha consacrato come nuova voce del cinema rumeno nella Romania post-comunista. Da quel momento i suoi film hanno ottenuto riconoscimenti in festival come Sundance, Berlino, Chicago, Locarno e Sarajevo. Il suo ultimo lungometraggio, Illegitimate, presentato alla Berlinale 2016, ha vinto il CICAE Cinema Award.

Paese: Romania, Polonia, Francia
Anno: 2016
Durata: 92'
Genere: fiction
Sceneggiatura: Adrian Sitaru, Alina Grigore
Fotografia: Adrian Silisteanu, Alexandru Lorian Timoska
Montaggio: Mircea Olteanu, Teo Lichtenberger
Con: Adrian Titieni, Alina Grigore, Bogdan Albulescu, Mihaela Perianu
Produzione: Domestic Film, Film Produkcja, Damned Films

Festival: Transilvania International Film Festival 2016
Festival International du Film Francophone de Namur 2016
Eurasia International Film Festival Almaty 2016
CinEast film festival 2016
Torino Film Festival 2016
Bergamo Film Meeting 2018

Materiali stampa