They

di Anahita Ghazvinizadeh

J ha quattordici anni. J vuole il pronome “they”. “They” vuol dire “loro”. J vivono con i genitori nella periferia di Chicago. J stanno esplorando la loro identità di genere mentre seguono una terapia ormonale per ritardare la pubertà. Dopo due anni di terapia, J devono decidere se effettuare o no la transizione. Durante il week-end decisivo, mentre i loro genitori sono in viaggio, la sorella di J e il suo ragazzo iraniano arrivano per prendersi cura di loro.

Biografia del regista

Anahita Ghazvinizadeh (nata nel 1989 a Tehran, Iran) si laurea in cinema all'Università di Tehran e consegue il master in “Studio arts” alla School of the Art Institute di Chicago. When the Kid was a Kid (2011, Iran), Needle (2013, USA) and The Baron in the Trees (2015, USA) formano la trilogia di cortometraggi da lei diretta, i cui protagonisti sono bambini. Infanzia e genitorialità, famiglia, crescita e identità di genere, sono le tematiche principali dei suoi lavori. Tra gli altri premi, ha vinto la prima edizione del premio Cinéfondation a Cannes e l'Hugo d'argento al Chicago International Film Festival. Nel 2013 Anahita è stata selezionata da «Filmmaker Magazine» tra i 25 volti nuovi del cinema indipendente. Ha partecipato come autrice al Sundance Screenwriters’ Lab a gennaio 2013, ed è co-autrice del film, Mourning (2011, Iran). Il suo primo lungometraggio They è stato presentato al Festival di Cannes 2017.
Paese: Usa, Qatar
Anno: 2017
Durata: 80'
Genere: fiction
Sceneggiatura: Anahita Ghazvinizadeh
Fotografia: Carolina Costa
Montaggio: Anahita Ghazvinizadeh, Dean Gonzalez
Musica: Vincent Gillioz
Con: Rhys Fehrenbacher, Koohyar Hosseini, Nicole Coffineau
Produzione: Mass Ornament Films