Giovanni Segantini - magia della luce

Giovanni Segantini - Magie des Lichts

di Christian Labhart

IL PIÙ COMPLETO FILM SULLA VITA E L'OPERA DI GIOVANNI SEGANTINI
Pittore, anarchico, emarginato, clandestino, Giovanni Segantini è riuscito a creare opere monumentali che celebrano un'immagine allo stesso tempo reale e ideale della natura e del paesaggio alpino. Nel corso della sua vita è salito sempre più in alto alla ricerca di una luce sempre più pura e la morte l'ha colto a soli quarantuno anni proprio sulle montagne dell’Engadina, a 2700 metri. Il film è un prezioso, appassionante e rigoroso ritratto del maestro di origini trentine, tra le figure più carismatiche della pittura europea di fine Ottocento. Il regista Christian Labhart evita il facile bozzetto e fa riemergere la figura dell’artista dalle lettere e dai diari, affidando i testi nella versione tedesca alla voce di Bruno Ganz e nella versione italiana a quella dell’attore ticinese Teco Celio, premiato per la sua carriera al Festival di Locarno 2015.

AL CINEMA. SCOPRI DOVE:

Milano, Spazio Oberdan
Milano, Museo Interattivo del Cinema
Tortona (AL), Megaplex Stardust
Modena, Sala Truffaut
Breganze (VI) Rassegna Senza Orario Senza Bandiera
Asolo (TV), Asolo Film Festival
Perugia, Cinema Postmodernissimo
Chiavari (GE), Cinema Mignon
Trento, Cinema Modena
Dro (TN), Palazzo Comunale
Arco di Trento (TN), Palazzo Comunale
Milano, Cinema Beltrade
Chiavenna (SO), Cineteatro Victoria
Piacenza, Cinema Iris 2000
Bergamo, Auditorium, rassegna "Il grande sentiero"
Varese, Cinema Teatro Nuovo
Verbania (VB), Cinecircolo Don Bosco

Note di regia

Dai diari di Giovanni Segantini: «Ho oltrepassato l'infinita pianura della tristezza, dove alla luce del sole e al buio si mescolano tutte le passioni umane. Ho visto fiori piangere e lombrichi ridere. Sì, ho vissuto senza vegetare, ho veramente vissuto».

Perché Segantini? Amo i suoi quadri, sono commosso dalla malinconia silenziosa di un mondo semplice, quasi addormentato: pecore, montagne, pastori, la vita quotidiana, i lutti. Segantini cerca una spiritualità universale attraverso la natura, gli animali e gli esseri umani. Per i suoi quadri sceglie i temi fondamentali della vita: la madre, l'amore, l’eros, la sconfitta, la natura, la morte. 
La vita di Segantini mi ha attratto quanto le sue opere: scrive testi per il partito socialista, convive con la moglie e quattro figli, non paga imposte o affitto.
Orfano a sei anni, finì in riformatorio a Milano, da dove fuggì. Ebbe per un breve tempo uno studio a Milano, ma presto si trasferì nella luce delle montagne svizzere. Si spinse sempre più in alto, per dipingere dal vero: portò le tele a 2500 metri, lavorando in qualsiasi condizione atmosferica. La morte colse Segantini a quarantuno anni proprio in alta quota, in una baita dove viveva quando dipingeva, per un malore che a valle sarebbe stato curabile. Fece portare il letto alla finestra: «voglio vedere le mie montagne» sono le sue ultime parole.
Da anni studio Segantini. Ho visitato i luoghi dove ha vissuto e costruito le sue tele a cielo aperto. Ho letto quasi tutto ciò che è stato scritto su di lui. Poi ho scoperto i suoi scritti autobiografici e le lettere. La riflessione su questi testi mi ha ancora di più avvicinato al sentire di Segantini. Mi sono aperto a nuove modalità cinematografiche, mi sono liberato dalla necessità dell’interpretazione forzata, ho deciso di lasciare parlare il protagonista: i suoi scritti illuminano al meglio la sua profonda personalità. Questo rifiuto di una narrazione convenzionale mi ha aperto nuove prospettive formali, in una ricerca del rigore nella libertà espressiva.

Biografia del regista

Christian Labhart è nato a Zurigo nel 1953, ha iniziato a lavorare come direttore della fotografia e assistente operatore per la Condor Film AG. Dal 2000 lavora come regista indipendente. Ha realizzato diversi documentari tra cui Kinder in Kosova (2001), Die Brücke von Mitrovica (2003), Manes Sperber – ein treuer Ketzer (2005), Zum Abschied Mozart (2006), Appassionata (2012) e Yasin darf nicht sterben (2014). Filmografia 2015 Giovanni Segantini – magia della luce 2014 Yasin darf nicht sterben 2013 What Moves You 2012 Appassionata 2011 Education Is Not For Sale 2009 Zwischen Himmel und Erde – Anthroposophie heute 2008 Zum Auftakt Rossini 2006 Zum Abschied Mozart 2005 Manès Sperber – ein treuer Ketzer 2002 Die Bru?cke von Mitrovica 2000 Kinder in Kosova
Paese: Svizzera
Anno: 2015
Durata: 82'
Formato: DCP
Genere: documentario
Fotografia: Pio Corradi
Montaggio: Annette Brütsch
Musica: Paul Giger Marie-Louise Dähler
Produzione: Christian Labhart. Coproduzione: SRF SRG Urs Augstburger e Anita Hugi

Festival: Giovanni Segantini - magia della luce è stato un grande successo in Svizzera (dove ha registrato oltre 70mila spettatori), Germania e Austria (22mila spettatori). È stato premiato al Festival International du Film sur l'Art 2016 di Montréal per la Migliore Biografia. È stato invitato al Trento Film Festival 2016, ottenendo ottime recensioni.

Materiali stampa