Austerlitz

di Sergei Loznitsa

Ci sono luoghi in Europa che sono rimasti come ricordi dolorosi del passato, fabbriche dove gli esseri umani erano trasformati in cenere. Questi luoghi sono ora luoghi della Memoria, aperti al pubblico sono visitati da migliaia di turisti ogni anno. Il titolo del film si riferisce al romanzo omonimo scritto da W.G. Sebald, dedicato alla memoria della Shoah. Questo film è una osservazione dei visitatori di un sito per il ricordo, nato negli spazi di un ex campo di concentramento. Perché le persone ci vanno? Che cosa stanno cercando?

Proiezioni per il Giorno della Memoria:


Perugia, Cinema Postmodernissimo. Dal 22 gennaio
Varese, Filmclub 90. Dal 22 gennaio
Mantova, Cinema del Carbone. Il 23 gennaio
Parma, Cinema Edison. Dal 24 gennaio – Il 24 gennaio con la presenza in sala del regista
Bologna, Cinema Lumière. Il 25 gennaio – Con la presenza in sala del regista
Torino, Cinema Massimo. Il 25 gennaio
Genova, FilmClub. Dal 25 gennaio
Venezia, Cinema Giorgione 2. Il 25 gennaio
Roma, Cinema Farnese Persol. Dal 25 gennaio
Reggio Emilia, Cinema Rosebud. Dal 26 gennaio – Il 26 gennaio con la presenza in sala del regista
Pietrasanta (LU), Cinema Svuderie di Seravezza. Dal 26 gennaio
Milano, Cinema Beltrade. Dal 26 gennaio – Il 29 gennaio masterclass con il regista
Modena, Sala Truffaut. Il 27 gennaio – Con la presenza del regista
Scandiano (RE), Cinema Boiardo. Il 27 gennaio
Bergamo, Auditorium Lab 80 cinema. Il 27 gennaio
Padova, Cinema Lux. Il 27 gennaio
Palermo, Cinema De Seta. Il 27 gennaio
Firenze, Cinema La Compagnia. Il 27 gennaio
Modica (RA), La città nascosta cineclub. Il 27 gennaio
Montaione (FI), Cinema Scipione Ammirato. Il 27 gennaio
Fermo, Sala degli artisti. Il 27 gennaio
Rovereto (TN), Auditorium Melotti MART. Il 28 gennaio – Con la presenza del regista
Treviso, Cinema Edera. Dal 30 gennaio
Foligno, Cinema Clarici. Dal 31 gennaio
Rho (MI) , Auditorium Comunale di Rho. Dal 31 gennaio
Faenza (RA), Ridotto Teatro Masini. Il 15 febbraio

Note di regia

L’idea di fare questo film mi è venuta perché visitando questi luoghi ho sentito subito una sensazione sgradevole nel mio essere lì. Sentivo come se la mia stessa presenza fosse eticamente discutibile e avrei voluto davvero capire, attraverso il volto delle persone, degli altri visitatori, come ciò che guardavano si riflettesse sul loro stato d’animo. Ma non nascondo di esserne rimasto, alla fine, abbastanza perplesso. Ciò che induce migliaia di persone a trascorrere i fine settimana estivi in un ex campo di concentramento è uno dei misteri di questi luoghi della Memoria. Si può fare riferimento alla buona volontà, al desiderio di compassione e pietà che Aristotele collega con la tragedia. Ma questa spiegazione non risolve il mistero. Perché una coppia di innamorati o una madre con il suo bambino vanno a fare visita ai forni crematori in una giornata di sole estivo? Ho concepito questo film per cercare di confrontarmi con queste domande.


«Una serie di piani sequenza in campo fisso, fotografati in bianco e nero, che montati l’uno dopo l’altro formano un percorso che è quello del giro turistico prestabilito e indicato da cartelli, guide e audioguide, ma è anche il percorso cui – giorno dopo giorno, sapendo di poter morire da un momento all’altro – erano costretti i prigionieri durante la detenzione. L’impressionante spettacolo va ben oltre il giudizio – facile e scontato – di condanna e di ribrezzo nei confronti delle persone che visitano un luogo di morte, dolore e sofferenza con la leggerezza con cui si visitano una pinacoteca o un sito archeologico. Il disprezzo per il turista che si fa i selfie nei crematori e nelle camere a gas, che si mette in posa per la foto sul palo delle esecuzioni o che passeggia allegro fra i viali delimitati da dormitori, baracche e celle di detenzione e mangia il pranzo al sacco seduto sul lastricato che separa la strada dalle fosse comuni, anche se è la prima e naturale reazione di ogni spettatore, non deve trarre in inganno né condurre a semplicistiche e banali conclusioni su quello che il film dice e mostra.
Siamo proprio sicuri che ci comporteremmo tanto diversamente se fossimo al loro posto?»

Cineforum.it

Biografia del regista

Filmografia: Documentari Today We Are Going To Build A House (Segodnya Mi Postroim Dom), 1996 Life, Autumn (Zhizn, Osen), 1998 The Train Stop (Polustanok), 2000 Settlement (Poselenie), 2001 Portrait (Portret), 2002 Landscape (Landshaft), 2003 Factory (Fabrika), 2004 Blockade (Blokada), 2005 Artel (Artel), 2006 Revue (Predstavlenie), 2008 Northern Light (Severniy Svet), 2008 The Miracle Of Saint Anthony (Tchudo Sviatogo Antonia), 2012 The Letter (Pismo), 2012 Reflections (Otrazheniya), 2014 Maidan (Maidan), 2014 The Old Jewish Cemetery (Staroe Evreiskoe Kladbische), 2014 The Event (Sobytie, 2015 Austerlitz, 2016 Fiction: My Joy (Schastye Moe), 2010 In The Fog (V Tumane), 2012 A Gentle Creature (in Post Produzione), 2017
Paese: Germania
Anno: 2016
Durata: 93'
Lingua: ..
Genere: documentario
Fotografia: Sergei Loznitsa, Jesse Mazuch
Montaggio: Danielius Kokanauskis
Produzione: Imperativ Film con il supporto di Die Beauftragte der Bundesregierung für Kultur und Medien Filmförderungsanstalt / German Federal Film Board Medienboard Berlin-Brandenburg


Materiali stampa